Beccanello Dome, Sarteano, Siena (foto www.proteggiamoilsuolo.it)

Beccanello Dome, Sarteano, Siena (foto www.proteggiamoilsuolo.it)

Il forum Salviamo il Paesaggio accoglie con interesse la proposta legislativa per la tutela del suolo contenuta nel disegno di legge 1181, nato su iniziativa dell’Aissa, Società Scientifiche Agrarie, e illustrato lo scorso 13 maggio a Roma in occasione del convegno “Una legge quadro sul suolo per la tutela e la valorizzazione del paesaggio italiano”, tenutosi presso l’Aula dei Gruppi Parlamentari in Via Campo Marzio.
A questo proposito pubblichiamo il comunicato stampa dell’incontro a firma del prof. Fabio Terribile, professore di Pedologia presso l’università “Federico II” di Napoli e presidente della Società Italiana di Pedologia, tra gli organizzatori del convegno.

 

“Il 13 maggio le società scientifiche agrarie ed i senatori che hanno sottoscritto il Disegno di Legge 1181 hanno organizzato il convegno Una legge quadro sul suolo per la tutela e la valorizzazione del paesaggio italiano, presso l’Aula dei Gruppi Parlamentari in via Campo Marzio 78, Roma per illustrare – con casi reali applicati – come il Paese si avvantaggerebbe di una legge quadro sul suolo in piena operatività.
Il convegno è stato un momento di riflessione critica, di aggiornamento e di confronto interdisciplinare, intersettoriale ed inter-istituzionale sul Disegno di Legge quadro sul suolo e quindi tema della gestione sostenibile dei suoli e del paesaggio.
Il convegno, dopo i saluti dei senatori Ruta, Caleo e Saggese e del presidente di AISSA (Associazione Italiana Società Scientifiche Agrarie) prof. Gerbi ha visto l’intervento dei proff. Dazzi (univ. Palermo) e Terribile (univ. Napoli Federico II) i quali hanno illustrato gli aspetti innovativi del ddL ed hanno mostrato le grandi potenzialità che il ddL offrirebbe ad una gestione sostenibile del paesaggio italiano.

E’ stato chiaramente evidenziato che questo ddL è molto diverso da quello del contenimento del consumo di suolo ed anzi esso ne potrà aiutare l’implementazione. Infatti questo ddL vuole costruire un quadro conoscitivo del suolo italiano (attualmente assolutamente mancante) e dei suoi servizi ecosistemici e valuta tutti i rischi di degrado del suolo (ad es. contaminazione, erosione, frane, salinizzazione, desertificazione, alluvioni) oltre al suo consumo per urbanizzazione.

Il convegno ha visto lo svolgimento di una tavola rotonda in cui si sono confrontati alcuni presidenti di società scientifiche (SGI, INU, GII, SISEF, SOI), che pur non partecipando alla stesura del ddL hanno un focus specifico sui suoli quali urbanisti, ingegneri idraulici, geologi, orticoltori e forestali. Il confronto è poi proseguito ascoltando i punti di vista di molte istituzioni che lavorano sul suolo quale CRA, ISPRA, ISTAT, INEA, CONAF, Conferenza Agraria, Regioni.

Tutti i relatori hanno palesato grande apprezzamento per il ddL 1181 ed hanno evidenziato l’assoluta necessità di questa legge per il paesaggio italiano. I senatori Ruta e Caleo si sono impegnati a supportare un iter efficace e veloce del ddL nelle commissioni parlamentari.

Sono poi intervenuti i relatori per le associazioni Salviamo il Paesaggio, con il dott. Stefano Salvi, dirigente tecnologico INGV, WWF Italia, Slow Food e CGIL Fillea. Anche in questo caso c’è stato un generale apprezzamento del ddL 1181 ma anche una certa preoccupazione per la sua potenziale interferenza con il ddL sul consumo di suolo”.