Paesaggio di Quercia Val D'orcia (SI)

Paesaggio di Quercia Val D’orcia (SI) – proteggiamoilsuolo.it

Il disegno di legge sul consumo di suolo promosso dall’Aissa, Società Scientifiche Agrarie,  e ispirato alla Soil Thematic Strategy dell’Unione Europea, diventa un convegno dal titolo Una legge quadro sul suolo per la tutela e la valorizzazione del paesaggio italiano, che si tiene il 13 maggio a Roma presso l’Aula dei Gruppi Parlamentari.

 

Ce lo chiede l’Europa, e per una volta non è una qualche forma di supplizio economico, ma la richiesta di seri provvedimenti per la protezione del suolo italiano. “Una legge quadro per la protezione e la gestione sostenibile del suolo”, dice Fabio Terribile, professore di Pedologia presso l’università “Federico II” di Napoli e presidente della Società Italiana di Pedologia.

“Nel nostro Paese il degrado del suolo ha raggiunto livelli drammatici”, si legge nel comunicato stampa del convegno dal titolo Una legge quadro sul suolo per la tutela e la valorizzazione del paesaggio italiano, che si terrà il 13 maggio a Roma presso l’Aula dei Gruppi Parlamentari, in Via di Campo Marzio 78. “Eppure il suolo è un elemento essenziale del nostro paesaggio e produce beni e servizi non sostituibili quali cibo, biomasse, materie prime, biodiversità, filtro per le acque, stoccaggio di carbonio.

Oggi il suolo italiano è sottoposto a pressioni ambientali crescenti i cui effetti si manifestano nella perdita delle sue insostituibili funzioni e negli allarmanti segni del suo degrado: erosione, diminuzione della materia organica, compattazione, salinizzazione, frane, alluvioni, perdita di biodiversità, contaminazione, consumo di suolo da urbanizzazione”.

“Per contrastare questo degrado”, aggiunge Terribile, “e questa enorme frammentazione ed eterogeneità del quadro gestionale e conoscitivo, con il contributo di AISSA, ha preso vita un’iniziativa legislativa (Senato, ddl 1181) al fine di dotare l’Italia di una legge quadro per la protezione e la gestione sostenibile del suolo.
La legge quadro proposta mira a cucire una trama coerente di conoscenza e di supporto alla gestione del suolo italiano entro cui comporre e far dialogare i diversi attori che decidono sulla destinazione d’uso di questa risorsa. Inoltre la legge mira ad aumentare la produttività multifunzionale dei suoli e, più in generale, del paesaggio italiano”.

In Italia combattere il degrado è difficile perché il suolo è gestito da una grande pluralità di attori (Ministeri, Regioni, Province, Comuni, ecc.) ed è caratterizzato da un quadro conoscitivo “assolutamente frammentato ed eterogeneo”.

“Questo convegno”, conclude il Prof. Terribile, “si propone come momento di riflessione critica, di aggiornamento e di confronto interdisciplinare, intersettoriale ed interistituzionale sul tema del suolo e della sua gestione.
Sarà l’occasione per illustrare, con casi reali applicati, cosa si potrebbe ottenere se il nostro Paese si dotasse di una legge quadro sul suolo in piena operatività”.

Marco Bombagi
Salviamo il Paesaggio
www.salviamoilpaesaggio.roma.it
www.salviamoilpaesaggio.it