Il Rio Tre Denari, la foce

 La foce del Rio Tre Denari

 

Il Rio Tre Denari, di nuovo fortemente inquinato, minaccia la Riserva Naturale del Litorale Romano. Urgente chiarire le cause del grave fenomeno e definire un Piano di tutela e un organismo di gestione.

Il Comitato per la Bellezza raccoglie la denuncia di associazioni locali e cittadini allarmati per la situazione di degrado in cui versa il Rio Tre Denari, corso d’acqua che attraversa l’area nord della Riserva Statale del Litorale Romano, area protetta la cui istituzione fu fortemente voluta proprio da Antonio Cederna, a partire dagli anni Ottanta. Secondo le segnalazioni di “Passoscuro R-esiste” e “Dolcespiaggia” dei giorni scorsi, un fosso è stato contaminato da liquami maleodoranti che hanno causato la morte di centinaia di pesci e sporcato il fiume e il mare antistante la foce (dove Fellini girò le scene finali della “Dolce vita”) con melma e schiuma. Un episodio analogo era già stato denunciato nel maggio del 2011.
Fenomeni di questo tipo minacciano gravemente i delicati equilibri di un ambiente naturale che, nonostante le ripetute aggressioni, rimane una delle aree naturalistiche e agricole litoranee più ampie e interessanti d’Italia. La Riserva Naturale Statale del Litorale Romano è stata istituita nel 1996, ma essa ancora è priva di un piano di gestione e di un Ente responsabile. L’area Nord, inclusa nel Comune di Fiumicino, vanta alcuni siti di grande importanza dal punto di vista naturalistico e culturale, quali la bonifica storica di Maccarese (oggi minacciata dall’ipotizzato ampliamento dell’Aeroporto Leonardo Da Vinci), le oasi WWF di Macchiagrande e della Foce dell’Arrone, le dune e la Torre di Palidoro con il Monumento a Salvo d’Acquisto, i Tumuleti di Bocca di Leone (zona di macchia mediterranea dove sono presenti insieme le specie più rappresentative di vegetazione litoranea), e appunto il Rio Tre Denari e altri corsi d’acqua e zone umide di importanza vitale per la riproduzione dell’avifauna.
Il Comitato per la Bellezza chiede con forza agli organi preposti che si faccia finalmente chiarezza sull’inquinamento delle acque del Rio Tre Denari e che le autorità competenti vigilino su analoghi fenomeni in tutta l’area della Riserva. Sollecita inoltre la definizione di un piano e di un Ente di Gestione che garantiscano la reale protezione e quindi il rilancio naturalistico di questo territorio prezioso.

 

Comitato per la Bellezza
Passoscuro-R-esiste www.crzppassoscuro.it

AssociazioneteRRRe www.Terrre.it